ACCEDI
login Ivrea    

SCADENZE FISCALI 2017

CASA

SCADENZE FISCALI 2017 Entro il 30 giugno versamento della prima rata Tari. Imu e Tasi: prima rata scaduta il 16 giugno. Tasi dovuta solo sui fabbricati costruiti e destinati dall'impresa costruttrice alla vendita, finché permane tale destinazione e non siano locati (c.d. beni merce) applicando un’aliquota del 2,5 per mille. E’ esclusa per tutti gli altri immobili, comprese le abitazioni principali.

 

 

IMU

Il pagamento dell'IMU deve essere efferttuato in due rate con scadenza 16 giugno e 16 dicembre 2017


•    Aliquota pari a 0,6% per le abitazioni e pertinenze dei fabbricati di cat. catastale A/1, A/8 e A/9 destinate ad abitazione principale e fattispecie assimilate, con l’applicazione della detrazione di  € 200,00 di cui al comma 10 dell’art. 13 del D.L. n. 201/2011;
•    Aliquota pari a 0,575% per le unità abitative e relative pertinenze possedute da ATC e regolarmente assegnate, con l’applicazione della detrazione di € 200,00 di cui al comma 10 dell’art. 13 del D.L. n. 201/2011;
•    Aliquota pari a 0,76% limitatamente ai contratti a canoni concordati già stipulati alla data del 31/12/2011;
•    Aliquota pari a 0,96% per i fabbricati di cat. catastale D (di cui 0,76% di competenza dello Stato);
•    Aliquota ordinaria pari a 1,01% per i fabbricati appartenenti a cittadini italiani residenti all’estero per l’abitazione tenuta a propria diposizione, se non rientranti nella casistica di cui all’art. 9 bis del D.L. 28 marzo 2014 n. 47;
•    Aliquota ordinaria pari a 1,01% per tutti gli altri immobili (fabbricati diversi dall’abitazione principale, aree fabbricabili e terreni agricoli) posseduti da cittadini residenti ad Ivrea;
•    Aliquota ordinaria pari a 1,06% per tutti gli altri immobili (fabbricati diversi dall’abitazione principale, aree fabbricabili e terreni agricoli) posseduti da persone giuridiche enti ed associazioni non riconosciute,società di persone e cittadini non residenti in Ivrea.

Si ricorda che la L. 208/2015 ha introdotto novità in merito agli immobili concessi in comodato in uso ai familiari e a quelli locati a canone concordato.

 

Non è dovuto il versamento dell’IMU per i seguenti immobili:

a)    Abitazione principale e relative pertinenze (una per ciascuna delle categorie catastali C/2, C/6 e C/7), di categoria catastale diversa  da A1, A8 e A9 e fattispecie assimilate (unità immobiliare e relative pertinenze posseduta, a titolo di proprietà o di usufrutto, da anziani o disabili che spostano la residenza in istituti di ricovero o sanitari a seguito di ricovero permanente, a condizione che l’abitazioni non risulti locata; abitazione ex coniugale assegnata con provvedimento giurisdizionale ad uno degli ex coniugi; fabbricati appartenenti a personale in servizio permanente presso le Forze Armate, Polizia, Vigili del Fuoco, personale appartenente alla carriera prefettizia posseduto e non concesso in locazione; immobile posseduto a titolo di proprietà o di usufrutto in Italia da cittadini AIRE già pensionati nei rispettivi Paesi di residenza, a condizione che non risulti locato o dato in comodato d'uso);

b) Unità immobiliari appartenenti a cooperative edilizie a proprietà indivisa adibite ad abitazione principale e relative pertinenze dei soci assegnatari;

c) Fabbricati costruiti e destinati dall’impresa costruttrice alla vendita, finché permane tale destinazione e non siano locati.

d) Fabbricati rurali strumentali;

e) Terreni agricoli ricadenti in aree montane o di collina delimitate ai sensi dell'articolo 15 della legge 27 dicembre 1977, n. 984, sulla base dei criteri individuati dalla circolare del Ministero delle finanze n. 9 del 14 giugno 1993 (già fogli di mappa esenti dall’ICI) e i terreni agricoli posseduti e condotti dai coltivatori diretti e dagli imprenditori agricoli professionali di cui all'articolo 1 del decreto legislativo 29 marzo 2004, n. 99, iscritti nella previdenza agricola, indipendentemente dalla loro ubicazione, nonché i terreni a immutabile destinazione agrosilvo-pastorale a proprieta' collettiva indivisibile e inusucapibile.

CALCOLO ON LINE TASI-IMU 2017

Si avvisano i signori contribuenti che il calcolatore IUC è libero, ovvero non presenta valori ed aliquote pre-impostate; pertanto, occorre prestare attenzione al momento di inserire Aliquote, Detrazioni e Rendite. Si consiglia di seguire attentamente le deliberazioni sotto riportate. In caso di dubbi rivolgersi all'Ufficio.

Per maggiori informazioni consulta la sezione dedicata all'IMU o scarica le Faq relative all'acconto Imu/Tasi 2017


TASI

E’ dovuta  solo sui fabbricati costruiti e destinati dall’impresa costruttrice alla vendita, finché permane tale destinazione e non siano locati (c.d. beni merce) applicando un’aliquota del 2,5 per mille. E’ esclusa per tutti gli altri immobili, comprese le abitazioni principali.

Modalità di pagamento: il versamento deve essere effettuato utilizzando il modello F24, riportando oltre al codice catastale del Comune di Ivrea (E 379), i seguenti codici tributo:
- 3912 IMU abitazione principale e relative pertinenze cat. A/1, A/8 e A/9 8(di competenza del Comune);  
- 3914 IMU terreni (di competenza del Comune);
- 3916 IMU aree fabbricabili (di competenza del Comune);
- 3918 IMU altri fabbricati (di competenza del Comune);
- 3925 IMU fabbricati cat. D aliquota 0,76% (di competenza dello Stato);
- 3930 IMU fabbricati cat. D aliquota 0,20% (incremento di competenza del Comune).
- 3961 TASI altri fabbricati (solo beni merce)

CALCOLO ON LINE TASI-IMU 2017

Si avvisano i signori contribuenti che il calcolatore IUC è libero, ovvero non presenta valori ed aliquote pre-impostate; pertanto, occorre prestare attenzione al momento di inserire Aliquote, Detrazioni e Rendite. Si consiglia di seguire attentamente le deliberazioni sotto riportate. In caso di dubbi rivolgersi all'Ufficio.

Visita la sezione dedicata per maggiori informazioni.

Per maggiori informazioni consulta la sezione dedicata alla Tasi o scarica le Faq relative all'acconto Imu/Tasi 2017
 
TARI

Il pagamento della TARI(Tassa Rifiuti) dovrà essere effettuato tramite modello F24 in 2 rate, entro il 30 giugno 2017 ed il 30 settembre 2017.
I modelli F24 verranno recapitati già compilati ed utilizzabili per il versamento.

Per maggiori informazioni visita la pagina dedicata.

 

* * * * * * * * * * * * *

Si ricorda che in caso di mancato o parziale pagamento alla data di scadenza è possibile avvalersi dell’istituto del ravvedimento operoso, previsto dall'art. 13 del D. Lgs. n. 472/1997, pagando una sanzione ridotta e gli interessi legali sull’imposta ancora dovuta.
Per ogni altro dettaglio si rimanda alla normativa, ai regolamenti vigenti in materia e alle delibere comunali di approvazione delle aliquote per l’anno 2017 che sono consultabili sul sito del Comune.

Per qualsiasi informazione l’Ufficio Entrate Comunali riceve il pubblico in via Cardinal Fietta, 3, piano primo, nei giorni di martedì ore
9,00/12,30 giovedì ore 14,00/17,00 e venerdì 9,00/12,00, tel. 0125/4101 (centralino), tributi@comune.ivrea.to.it imu@comune.ivrea.to.it; tari@comune.ivrea.to.it    

Gli uffici comunali sono a disposizione dei contribuenti negli orari di apertura al pubblico (martedì 9-12.30; giovedì 14-17; venerdì 9-12) per informazioni e chiarimenti rispetto al pagamento in acconto di imu e tasi. Si precia tuttavia che, soprattutto in caso di richieste pervenute a ridosso della scadenza del 16 giugno o in caso di situazioni complesse che richiedono un approfondimento, non è garantita l'evasione della richiesta in tempo utile al versamento.