ACCEDI
login Ivrea    

Rapporto sulle agromafie

agromafie logo

Verrà presentato il Rapporto Coldiretti sulle Agromafie, che contiene un capitolo dedicato al Protocollo delle Arance Frigie.

 


Sarà presentato giovedì 11 gennaio alle ore 21.00, presso il Polo Universitario Officine H di via Monte Navale 2, a Ivrea (TO), il Rapporto Coldiretti sulle Agromafie, in collaborazione con Eurispes. Il rapporto contiene un capitolo dedicato al Protocollo delle Arance Frigie, l’accordo che promuove la cultura della legalità e il contrasto al caporalato nella filiera delle arance dello Storico Carnevale di Ivrea.

Il documento descrive e denuncia la filiera del cibo che finisce quotidianamente sulle nostre tavole: dalla produzione al trasporto, fino alla distribuzione e alla vendita. Un giro d’affari enorme che pertanto attrae sempre di più l’interesse delle organizzazioni criminali, tanto che il volume d’affari annuale delle agromafie è stimato in 21,8 miliardi di euro con un balzo del 30% nell’ultimo anno.
La serata è organizzata dai firmatari del Protocollo Arance Frigie, ovvero il Comune di Ivrea, la Fondazione dello Storico Carnevale d'Ivrea, l’Associazione Aranceri, la
Fondazione Benvenuti in Italia e Libera Piemonte.

Ne discuteranno:
- Gian Carlo Caselli, già magistrato e Presidente dell'Osservatorio sulle Agromafie di Coldiretti
- Roberto Moncalvo, Presidente Nazionale di Coldiretti
- Davide Mattiello, Deputato e membro della Commissione parlamentare Antimafia

All’interno del rapporto è presente un capitolo dedicato alle “Best practice” messe in atto in Italia per contrastare l’infiltrazione delle mafie nella filiera produttiva agroalimentare e tra queste è citato il Protocollo delle Arance frigie, un accordo firmato nel 2015 che garantisce che le arance utilizzate nello Storico Carnevale di Ivrea siano certificate, ovvero libere dallo sfruttamento e dal caporalato, una pratica sempre più diffusa nelle campagne italiane dove i lavoratori, il più delle volte stranieri, vengono sfruttati, malpagati, non contrattualizzati e spesso ridotti in semi-schiavitù.

agromafie caporalato