ACCEDI
login Ivrea    

Il Mandato Politico

La promozione e la tutela della salute.

La salute è un fattore primario di benessere dei cittadini; noi intendiamo favorire le politiche che incentivino un servizio sanitario pubblico al quale i cittadini sappiano di potersi affidare con fiducia in ogni situazione.

Il piano socio-sanitario recentemente approvato dalla regione Piemonte permette agli amministratori locali di intervenire sulle politiche di programmazione dei servizi sanitari per i cittadini.

La città di Ivrea rivendica da tempo la costruzione di una nuova sede ospedaliera in sostituzione di quella attuale, il piano sanitario recepisce questa indicazione.

In tempi ancor più rapidi dovrà vedere l’avvio la costituzione del nuovo poliambulatorio di cui alcuni finanziamenti sono già stati stanziati dalla giunta regionale, la cui funzione sarà di riunire tutti i servizi ambulatoriali e di sgravare l’ospedale di tutta l’attività di diagnosi e cura che può essere svolta fuori da esso. In altre parole la nuova struttura, con attività complementari rispetto a quelle di elevata specializzazione dell’ospedale, e strettamente integrate con quelle della medicina territoriale permetterà ai cittadini di ottenere prestazioni di elevata qualità con massima facilità di accesso.

In particolare il sindaco è chiamato a partecipare ai processi di programmazione sanitaria insieme a quella degli altri sindaci del territorio; e quindi staremo attenti a sollecitare rapidi interventi per risolvere o migliorare alcune situazioni critiche, come ad esempio le liste d’attesa, l’accessibilità al centro prelievi per le analisi da laboratorio, ai problemi dell’emodinamica, della psichiatria, della riabilitazione, dell’assistenza extra ospedaliera e della medicina territoriale.

Il sindaco si farà interprete presso gli organi di governo della sanità dei bisogni di salute dei cittadini, attuando tutti gli strumenti per un attento ascolto delle loro esigenze.

Si è già iniziato il percorso: nella prima assemblea dei sindaci della conferenza dei 177 comuni; abbiamo iniziato una discussione per la collocazione della sede legale e per la costituzione degli organi che gestiranno questo processo di controllo della politica sanitaria.